Home / Chi siamo / Come funzioniamo

Come funzioniamo

Come un complesso ingranaggio, anche IL GRAPPOLO ruota attorno a due cardini indissolubili: il rapporto con il territorio e la partecipazione attiva dei propri soci

IL GRAPPOLO organizza il proprio essere Impresa Sociale attorno a due cardini indissolubili: il rapporto con il territorio e la partecipazione attiva dei propri soci. Quest’ultima, valore fondante della Cooperazione Sociale, è costruita e garantita sia attraverso la partecipazione democratica alla determinazione degli organi gestionali che attraverso lo stretto rapporto, formale e informale, tra i soci e gli amministratori della Cooperativa. L’Assemblea dei soci, oltre ad essere momento di valutazione formale dei risultati dell’attività del Consiglio di Amministrazione, è occasione di orientamento strategico dell’attività della stessa Impresa Sociale.

 

I processi decisionali e di controllo

– Assemblea dei soci

“L’assemblea dei soci, massimo organo della cooperativa, elegge i membri del consiglio d’amministrazione (cda), nomina il revisore contabile, approva i bilanci consuntivi e preventivi e i piani strategici e di attività pluriennali.”

[Estratto dallo Statuto]

– Consiglio di Amministrazione (CdA)

Il CdA, organo decisionale attraverso il quale si concretizzano le strategie della Cooperativa mediante l’organizzazione e l’allocazione delle sue risorse umane, finanziarie ed immobi-liari, è costituito dagli amministratori eletti dall’Assemblea dei Soci. Il CdA elegge il Presidente ed il Vice-Presidente.
A norma dello Statuto il CdA dura in carica tre anni ed è composto dal Presidente, dal Vice-Presidente e da un numero variabile da 3 a 7 Consiglieri, rieleggibili per tre mandati consecutivi. Una chiara scelta di SERENA è quella di esprimere nel CdA la rappresentanza dei diversi settori, al fine di rendere il CdA un luogo di condivisione e decisione strategico-operativa e in cui i consiglieri stessi diventino portatori d’interesse dei lavoratori del proprio settore.

Ogni anno il CdA propone all’Assemblea dei Soci gli obiettivi da perseguire; ne verifica il raggiungimento attraverso il riesame predi-sposto dalla Direzione e li rendiconta infine con il bilancio sociale.
I membri del CdA prestano la loro attività a titolo gratuito.
Nel 2008, oltre a monitorare l’andamento ge-nerale dei servizi, il CdA ha discusso la partecipazione a gare d’appalto e l’apertura di nuovi servizi, l’avvio di collaborazioni sul territorio, le questioni relative al personale, i nuovi inve-stimenti, il riassetto organizzativo, l’adozione della Carta dei Servizi e la Politica della Qualità e la certificazione dei servizi della Cooperativa.
Nel 2009 il CdA ha discusso di nuovi progetti, situazione progetti in corso, azioni per incremento soci e situazione economica. Nel corso del 2009 sono stati effettuati 9 incontri.
Nel 2010 il CdA ha dovuto affrontare le criticità della congiuntura economica e di cambiamento degli scenari politico-amministrativi sia locali che nazionali.

La prospettiva di riduzione delle risorse pubbliche e la scadenza di servizi in corso, ha costretto ad affrontare argomenti quali riorganizzazione interna e sviluppo dei settori. Ha messo in atto un processo di sensibilizzazione dei lavoratori al fine di implementare la base sociale sia in termini numerici che professionali. Ha dovuto “fare i conti” con i problemi economico-finanziari del proprio Consorzio territoriale di appartenenza.

– Presidente (delega pari poteri al vice presidente)
Il Presidente, in quanto legale rappresentante della Cooperativa risponde delle azioni dello stesso in sede civile e penale, nella misura
prevista dalla legislazione vigente.
È eletto dal Consiglio d’Amministrazione e ne convoca e presiede le sedute. Rappresenta la Cooperativa nelle sedi istituzionali e politiche.

– Direttore
Il Direttore è il braccio operativo del CdA, da cui viene individuato ed a cui deve rispondere della conduzione della Cooperativa.

– Responsabile di funzione
I responsabili di funzione gestiscono il perso-nale che collabora con loro nell’attività della funzione, gestiscono i processi di approvvigionamento a loro delegati e sono responsabili del raggiungimento degli obiettivi relativi alla propria funzione.

– Operatori e Collaboratori
Responsabili dell’adempimento dei compiti e delle mansioni loro assegnate, collaborano con il responsabile di funzione e con i colleghi (quando previsto) per il raggiungimento degli obiettivi della propria area. Essendo le persone spesso più vicine ai clienti dei servizi hanno il compito di segnalare ai responsabili di fun-zione eventuali criticità o positività dell’attività svolta.

– Organi di controllo
Il controllo contabile è stato affidato ad un Revisore.

– Strategie di rete interna
IL GRAPPOLO, per rendere sinergici gli interventi dei differenti settori e per utilizzare al meglio i suggerimenti dei suoi soci lavoratori, ha istituito una “Cabina di Regia” alla quale partecipano i responsabili di settore. È questa l’occasione per confrontarsi sulle operatività necessarie per sviluppare le scelte strategiche suggerite dall’Assemblea e per potenziare le aree trasversali (sistema qualità e sicurezza del lavoro, tutela dei dati sensibili, formazione, gestione delle risorse interne, sviluppo).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*